TAR Veneto, 16 settembre 2014

Sull'entità dell’obbligo dichiarativo ex art. 38 del D. Lgs. n. 163/2006 nelle ipotesi di società con meno di quattro soci. Esso deve ritenersi circoscritto ai soli soci persone fisiche e non anche al socio di maggioranza persona giuridica. Secondo il giudice amministrativo, infatti, sarebbe illogico limitare l'accertamento in questione alla sola persona fisica nel caso di socio unico ed estendere, invece, l'accertamento alle persone giuridiche nel caso di società con due o tre soci.

Associati per avere accesso alla giurisprudenza completa

Consiglio di Stato, 3 settembre 2014

Sulla possibilità, per l'affidatario in possesso della qualificazione nella categoria di opere generali ovvero nella categoria di opere specializzate indicate nel bando di gara come categoria prevalente, di eseguire direttamente (o subappaltare ad altra impresa qualificata) tutte le lavorazioni di cui si compone l'opera, anche se non è in possesso delle relative qualificazioni. 

Associati per avere accesso alla giurisprudenza completa

Corte di Giustizia U.E., 10 luglio 2014

La locazione di cosa futura di un’opera pubblica, anche nella forma di impegno a locare, costituisce un appalto pubblico di lavori - Qualora le norme procedurali interne applicabili prevedano la possibilità, a determinate condizioni, per il giudice nazionale di ritornare su una decisione munita di autorità di giudicato, per rendere la situazione compatibile con il diritto nazionale, tale possibilità deve essere esercitata, conformemente ai principi di equivalenza e di effettività.

Consiglio di Stato, 17 luglio 2014

Sul concetto di “idonea referenza bancaria”: ove riportato nei bandi di gara pubblica senza ulteriori precisazioni, deve essere interpretato dagli istituti bancari nel senso, anche lessicalmente corretto, che essi devono riferire sulla qualità dei rapporti in atto con le società, per le quali le referenze sono richieste, quali la correttezza e la puntualità di queste nell’adempimento degli impegni assunti con l’istituto, l’assenza di situazioni passive con lo stesso istituto o con altri soggetti, sempre che tali situazioni siano desumibili dai movimenti bancari o da altre informazioni in loro possesso.